INFORMATIVE e NEWS

Qui potrete trovare le ultime informative e comunicazioni pubblicate dall'amministrazione del

SUPERCONDOMINIO

 da visualizzare e scaricare direttamente sui vostri dispositivi


Pubblicazione del 07/12/2016

Supercondominio - Relazione informativa dell'Amministratore dr. Michele Pepe sulle attività di gestione 2016.

Relazione Nov16.pdf

Pubblicazione del 22 giugno 2016

Attività del Supercondominio per la tutela dell'igiene pubblica e della pubblica incolumità

1)Lettera di diffida alle autorità competenti sull’assunzione di precise responsabilità in merito alla mancata raccolta di rifiuti solidi urbani e alla cura dell'igiene pubblica all’interno del Villaggio Ippocampo;

COMUNICAZIONE ASE.pdf

2)Lettera di diffida alla Curatela fallimentare ITI srl per messa in sicurezza delle proprietà ITI ai fini della tutela della Pubblica incolumità;

Messa in Sicurezza Siti Curatela.pdf


Pubblicazione del 13 giugno 2016

ASSEMBLEA ORDINARIA ANNUALE: Il Villaggio Ippocampo si compatta nel segno dello sviluppo.

Presso l’area attrezzata del Lido Samaan in Ippocampo, domenica 06 giugno u.s. si sono positivamente conclusi i lavori dell’assemblea Ordinaria annuale del "Supercondominio Ippocampo".

I rappresentanti Delegati ed i Proprietari di immobili non costituiti in Condominio, con delibere assunte all'unanimità, hanno approvato il rendiconto 2015 ed il bilancio di previsione 2016 e sancendo la giustezza delle scelte amministrative operate nel segno dello sviluppo hanno riconfermato l'attuale Amministratore dr. Michele Pepe ed il suo staff riconoscendone l'impegno e la competenza.

Questi atti importantissimi per la vita del villaggio, assumono un significato ancora più rilevante per la qualificata maggioranza che li ha fatti propri. Un bel risultato per quanti hanno lavorato nella gestione 2015.

Parte ora la macchina organizzativa per assicurare ai proprietari ed agli ospiti una stagione serena e sicura.

Di seguito potrete prendere visione del Verbale d'Assemblea e degli allegati. 

VIVA IPPOCAMPO!

VerbaleAss05giu16+allegati.pdf


LETTERA  APERTA  DELL'AMMINISTRATORE

Cari condomini,

la pazienza, l’eleganza e l’etica di comportamento hanno poi un limite perché tutto è sopportabile fuorché  il dileggio e la calunnia utilizzata a fini di interesse personale.

Così ho deciso di porre fine allo stillicidio continuo di missive tendenziose utilizzate esclusivamente per tentare di stancarmi e costringermi a gettare la spugna, portando a conoscenza di tutti il metodo infamante utilizzato da qualche oppositore a “prescindere”.  Ma non ci riusciranno perché sono avvezzo a contrastare queste becere strategie ed utilizzerò ogni forma di tutela del mio buon nome e del lavoro offerto nell’esclusivo interesse del Villaggio.

Con la missiva che vi allego in copia, mi è stato richiesto rendiconto e situazione economico finanziaria alla data corrente del Supercondominio che produrrò e porterò all’attenzione del Consiglio di Supercondominio così come previsto dalle norme da convocare per  il prossimo mese di novembre. In quella sede saranno date le giustificazioni e le documentazioni di debiti e crediti e le risultanze saranno pubblicate poi sul nostro sito web visionabili da tutti i condomini.

La richiesta mi viene fatta dai signori Franzese Raffaele già amministratore di condominio, Volpe Pasquale amministratore condominio e presidente dell’Associazione Proprietari Ippocampo, Bevere Andrea amministratore condominio, Di Leo Ruggiero amministratore condominio e Vitale Francesco proprietario del Campeggio.

Mi chiedo e Vi chiedo, i Signori su richiamati, oggi, dopo oltre venti anni di gestione del proprio “feudo” cosa hanno prodotto in favore del Villaggio pur avendo  la rappresentanza legale  dei propri numerosi amministrati,  per dichiarare oggi che il mio comportamento è arrogante e prepotente e che, per salvare il Villaggio dovrei essere destituito?

Quale seria proposta  è mai stata avanzata per migliorare la vivibilità e la fruizione del Villaggio in questi tre anni di vita del Supercondominio? Quello che hanno saputo fare è stata solo continua contrapposizione e ostruzionismo su tutto e a prescindere e adesso sfociando anche nella calunnia!

Per quanti anni i proprietari, all’infuori di qualche furbo, hanno pagato quote determinate dalle varie società di gestione senza ricevere alcun miglioramento del Villaggio fino allo stato di degrado in cui due anni fa versava lo stesso?

Paradossale è, poi,  che tra i promotori di tale richiesta, ovvero di controllare la giustezza dei conti, ci sia un richiedente amministratore che, da quando è stato costituito il Supercondominio (01/01/2014), non ha mai versato un solo euro a titolo di quote condominiali con l’aggravante di aver istigato circa il 40% dei suoi condomini a fare altrettanto. Ad ogni buon conto per questi condomini morosi sono in corso ingiunzioni di pagamento già richieste all’autorità giudiziaria.

Questo Signore, peraltro auto-gestore di  un sito internet  utilizzato a proprio uso e consumo, continua a fare  disinformazione districandosi tra personali e cavillose  interpretazioni di norme condominiali pur di esimersi dagli obblighi corrispondenti allo status di condomino del Supercondominio.

 Infatti ha avuto l’ardire di farsi addirittura il calcolo di quanto ritiene di pagare in totale dispregio di ogni regola se non  quella del personale tornaconto, tanto che per due annualità la sua contribuzione sarebbe di € 45,76 come versato qualche giorno fa.

Lo stesso, mentore del gruppo per le auto-attribuite qualità, ha impugnato due assemblee e sono in corso due giudizi, non per il non riconoscimento del Supercondominio, ma esclusivamente per cavilli di convenienza alla sua pervicace convinzione che nulla è dovuto anche per i servizi generali di cui è fruitore.

Voglio ricordargli che utilizza servizi generali che altri pagano per lui, e non da ora, e che non gli è consentito, per fatto morale, ergersi a censore di “nulla” permettendosi il lusso di dubitare addirittura dell’esistenza di documenti. Costui deve guardarsi all’interno del proprio ambito perché ogni maldestro tentativo di distruzione provoca le stesse reazioni di ritorno.

Come detto, avevo deciso di non rispondere alle continue provocazioni ma questi ultimi episodi meritano a tutti i costi di essere stigmatizzati per la gravità e le contraddizioni ivi contenute, oltre alla falsa presentazione di chi si dichiara condomino. Infatti non risulta censito tale sig. “Arturo Secondo”, e di ciò se ne sta occupando la Polizia Postale per rintracciare l’ID del computer dal quale è stata inviata la mail dall’account "wolfln2016@libero.it" e del quale l’organo inquirente ha  già le prime informazioni che utilizzerò per la querela di parte.

Il “falsario” evidentemente già avvezzo a queste schifose forme di aggressione, peraltro quasi certamente individuato,  parla di debiti del Supercondominio e mancanza di “pezzi di appoggi” per le spese sopportate mentre artatamente non cita i crediti del Supercondominio per quote non pagate o pagate in misura ridotta per istigazione, di qualcuno, a tale comportamento.

I Signori che coalizzano con tale soggetto, si permettono di dire che io sarei “incapace” di gestire, e mi chiedo, loro di cosa sono stati capaci in tanti anni di “impegno” che si attribuiscono. Sono stato attaccato dalla  pseudo Associazione proprietari Ippocampo,  in tutte le maniere e non ultima la squallida vicenda delle sedie  e delle panchine acquistate dal Supercondominio e inopinatamente donate alla Chiesa di Siponto dalla stessa Associazione  con una strategia documentale di cui darò contezza nella relazione di bilancio. L’ultimo attacco ieri, dalla stessa, con una mail riportante una serie di insulti e falsità sulla manipolazione delle assemblee alla quale mi riservo puntuale risposta in questi giorni. 

Con la stessa missiva mi è stata notificata a mezzo PEC la dissociazione, da parte dei signori citati sopra, per la mancanza dei requisiti dell’organismo che non riconoscono. Vorrei ricordare agli stessi che il Supercondominio Ippocampo è stato istituito dal Tribunale Civile di Foggia con provvedimento giudiziario del 08/03/2013. La fantomatica richiesta è contraddittoria e strumentale al punto che alcuni di essi hanno fatto parte del consiglio di Supercondominio nell’esercizio 2015, percependo il rimborso delle spese in osservanza della delibera assembleare del 30/11/2014, sono stati rinominati per l’esercizio 2016 e non hanno dichiarato la non accettazione della carica.

Di più, c’è da registrare che i delegati presenti dei condomini da loro amministrati, nell’assemblea del 06 giugno 2016, hanno approvato il rendiconto ed il bilancio di previsione senza riserve o eccezione alcuna, riconoscendo, ipso facto, la qualificata giustezza dell’operato dell’organismo.

Quanto ai debiti risulta a tutti che ho ereditato debiti e crediti già dall’amministratore giudiziario nel 2014 e questi, in una gestione così complessa,  si trascinano a cavallo degli esercizi come è nella normale gestione dove ritardi ed inadempienze la fanno da padrona.

Sono stato accusato di arroganza e prepotenza, a chi pensa tanto dico di guardarsi all’interno dei propri ambiti o piccoli feudi perché opporsi e criticare è la cosa più semplice che si possa fare ma non porta da nessuna parte se non alla distruzione.

La trasformazione del Villaggio è sotto gli occhi di tutti e le sfide in itinere non potranno che dar ragione a chi sta lavorando, con non poche preoccupazioni, a gestire la situazione ereditata.

Chiudo, sempre disponibile a confronti leali,  scusandomi per lo sfogo e ricordando a me stesso che se chiediamo ad altri che si rispettino le regole le stesse valgono per noi stessi. (Intelligenti pauca).

Un caro saluto a tutti e grazie per il tempo dedicato che avrei preferito fosse impiegato per altro.  

MICHELE PEPE